fbpx
Like Srl / Digital Marketing  / Social Commerce: come vendere online con i social

Social Commerce: come vendere online con i social

Quanto tempo passiamo sui social? Facebook, Instagram, WhatsApp, TikTok, Linkedln, TwitterQuesti luminosissimi spazi virtuali sono abitati da ognuno di noi circa per due ore al giorno. Quasi un mese all’anno della nostra vita lo passiamo a scrollare miriadi di contenuti online, e ancora ti stai chiedendo se possa aver senso per la tua attività essere presente su queste piattaforme e vendere con i social?

Da semplici luoghi di condivisione, svago ed ispirazione per gli utenti, pian piano i social network si sono adattati sempre più anche al nostro modo di vivere l’esperienza d’acquisto, fino a trasformarsi in vere e proprie vetrine digitali. 

Ma che cosa significa vendere sui social?

Man mano che l’ecosistema dei social continuava ad espandersi, tra algoritmi sempre più predittivi, nuove features e advertising, le aziende hanno iniziato a sperimentare linguaggi via via più vicini a quelli degli utenti online; come?

Comunicando la propria identità, i propri prodotti e servizi nei luoghi più frequentati dagli utenti: i social.  

 

Il Social commerce, termine che nasce dal connubio tra Social Network ed e-commerce, si definisce dunque come la possibilità che un utente ha di acquistare prodotti e servizi attraverso i social media, e per le aziende di creare nuove modalità di interazione con la potenziale clientela.

 

Una naturale conseguenza della nostra vita sempre più online, è che le vendite si stanno progressivamente spostando da desktop a mobile; il terreno di gara dei social network. Non ci stupisce quindi sapere che oggi, il 30% degli acquirenti online, afferma che probabilmente effettueranno un acquisto direttamente da un social network.

E che il 74% dei consumatori dice di affidarsi ai social per ottenere informazioni utili sui loro futuri acquisti, con maggiore probabilità di acquistare un prodotto proprio dopo averlo visto sui social. 

Come vendere sui social 

Se stai pensando “Come faccio a vendere i miei prodotti online se non ho un e-commerce?” Non preoccuparti; questo articolo si rivolge soprattutto a te. Analizziamo alcuni aspetti.


1. Parti da te

I social, sono spazi che ci permettono di mettere in risalto le nostre informazioni, le nostre realizzazioni, servizi e la nostra identità. Che tu abbia un e-commerce, un negozio fisico o nessuno dei due, ciò da cui dovrai partire sarà proprio il modo in cui decidi di mostrarti agli altri. Se non diamo alle persone un motivo per seguirci, come possiamo pensare che arrivino a comprare i nostri prodotti? Che cos’ha di diverso il mio business? Che cosa piace al mio pubblico? Qual è il modo migliore per valorizzarlo?

 

2. Lavora sulla fidelizzazione del pubblico

Ok, abbiamo capito come comunicare il nostro business. In che modo trasformo chi mi segue in potenziali clienti? Interagisci con chi ti ascolta (messaggi, recensioni, commenti ecc… sono tasselli fondamentali per la crescita del tuo brand) e assicurati di fornire sempre ai tuoi utenti valore.

Più sentiranno di essere coinvolti e al centro del tuo lavoro, più sarà naturale che sposino il tuo prodotto o servizio. Crea in loro abitudini e non smettere mai di analizzare il comportamento dei tuoi utenti: più impariamo a conoscere il nostro pubblico, più semplice sarà comunicare con loro.

 

3. La scelta della piattaforma

Come faccio a capire quale piattaforma può essere più idonea alla mia attività? La risposta a questa domanda dipende da diversi fattori. Chi è il tuo pubblico? È adolescente? Probabilmente sarà più semplice intercettarlo su Tik Tok. È adulto e incline al dibattito? Facebook è una buona possibilità. Voglio rivolgermi a professionisti specifici? Linkedin potrebbe essere la soluzione ideale. Infine, i miei prodotti o servizi mi permettono di creare contenuti adatti alla piattaforma che ho scelto? Ogni social ha un suo linguaggio; rispettarlo è fondamentale.


4. L’importanza del contenuto

Arrivati a questo punto, per poter vendere sui social abbiamo bisogno di dare visibilità ai nostri prodotti o servizi. Partendo dal presupposto che non esiste un modo giusto o sbagliato di creare contenuti, il nostro termometro di riferimento ancora una volta è il nostro pubblico. Il pubblico che abbiamo è quello che vogliamo? Allora dovrò cercare di creare il contenuto migliore per entrare in connessione con lui. Che bisogni o desideri soddisfa il mio prodotto? Vendo articoli di arredo casa e giardino? Creare dei post che espongano consigli utili per tenere la casa in ordine con nuove soluzioni, potrebbe essere la giusta formula per comunicare ed offrire valore al mio utente.


5. Raggiungi più visibilità con le sponsorizzate

Che tu sia un’azienda da poco sbarcata sui social o un’e-commerce che vende decine di ordini al giorno grazie ai social, progettare delle campagne sponsorizzate è un ottimo modo per farsi conoscere ad un pubblico che studiamo e scegliamo. Man mano che gli utenti inizieranno ad interagire con i nostri contenuti, a visitare le nostre pagine o a navigare sui nostri siti web, potremo rincorrerli e farli innamorare di noi 

Gli aspetti visti fin qui rappresentano le basi per poter muovere i primi passi nel mondo della vendita tramite social. Entriamo ora nel vivo della questione e vediamo quali sono gli strumenti che rendono davvero possibile vendere, senza necessariamente avere un e-commerce.

Come configurare Facebook Shop (configurazione manuale)

 

Si tratta dell’ex vetrina di Facebook, uno shop interno alla piattaforma che consente l’inserimento manuale di prodotti in vendita (sia da cellulare che da computer), con la possibilità di gestire e concordare l’acquisto tramite messaggio privato. Sotto ad ogni scheda prodotto, dotata di foto, descrizione e prezzo, è presente un pulsante per inviare all’azienda un messaggio: la configurazione avviene dal catalogo all’interno del Business Manager di Facebook, dov’è possibile integrare le informazioni base con specifiche come il colore, la taglia, il formato, le dimensioni o eventuali varianti e sconti.

Una volta atterrati nella pagina Facebook, gli utenti possono consultare il catalogo dello shop di Facebook, salvare i prodotti che preferiscono e decidere di contattare l’azienda: questo strumento risulta quindi utile anche per raccogliere richieste, domande e feedback di utenti o clienti.

 

Come configurare la funzione Shop su WhatsApp Business

 

Hai mai sentito parlare di WhatsApp? Sicuramente sì; sapevi che esiste una versione della stessa applicazione dedicata alle aziende per esporre i propri contatti e prodottiWhatsApp Business rappresenta oggi la risposta più pratica e veloce per tutte le aziende che non possiedono un e-commerce, ma vogliono comunque approcciarsi al mondo della vendita sui social. Grazie alla sezione catalogo, è infatti possibile caricare i propri prodotti (con annesse descrizioni, prezzi e foto) strutturati in categorie per rendere l’esperienza dell’utente il più semplice e intuitiva possibile. Proprio come nel catalogo di Facebook, anche su WhatsApp l’utente può inserire i prodotti che preferisce in un carrello e richiedere informazioni legati ad essi. 
 
Un ulteriore vantaggio del catalogo su WhatsApp, è la possibilità di poter creare campagne pubblicitarie su Facebook ed Instagram che facciano atterrare l’utente direttamente nel catalogo prodotti WhatsApp, grazie ad un link di condivisione

Facebook ed Instagram Shop collegato all’e-commerce   

 

Arriviamo infine alla soluzione dedicata a chi già possiede un ecommerce e che potenzialmente può ritrovarsi a gestire centinaia e centinaia di prodotti. Grazie alla possibilità di collegare un feed (un flusso di dati ormai semplice da configurare e supportato da tutte le piattaforme online), le aziende strutturate con e-commerce possono avere i propri prodotti direttamente anche sullo shop di Facebook ed Instagram. Le funzioni dello shop collegato all’e-commerce sono molto simili a quelle dello shop su Facebook a configurazione manuale, ma in questo caso tutte le informazioni sui prodotti si caricano automaticamente senza necessità d’intervento manuale. Ulteriore differenza tra i due, è che nello shop collegato al feed gli utenti vengono rimandati direttamente alla scheda prodotto sul sito, dove potranno concludere l’acquisto online.

Riassumendo, che cosa significa vendere sui social?

In queste righe abbiamo analizzato le potenzialità che i social rappresentano per tutte le aziende che vogliono incrementare il loro business online, con soluzioni che si adattano sia a chi ha un e-commerce (quindi chi vende prodotti acquistabili direttamente online), sia a chi invece non possiede un negozio virtuale. A prescindere dal tipo di business che un’azienda sceglie di percorrere, abbiamo capito come vendere sui social non significhi necessariamente concludere una trattativa d’acquisto online, ma piuttosto creare un percorso di vendita che sfrutta un linguaggio semplice e diretto creando un rapporto sempre più vis-à-vis con il nostro potenziale cliente. Un’opportunità che le aziende non dovrebbero più perdere.

Ti piacerebbe rafforzare la presenza della tua azienda sui social network per supportare il tuo business?


Contattaci per maggiori informazioni o per un preventivo personalizzato

    Ho letto e accettato l'informativa sulla privacy
    Acconsento di essere contattato telefonicamente da un consulente

    * campi obbligatori

    ×